UNDER 20: SAN VITO SCONFITTO CON ONORE

Prima sconfitta in campionato per il San Vito Under20 che perde sul campo della Mazzoleni & Facori con il punteggio di 78 a 70.

Partita che promette momenti di buon basket considerate anche le individualità di cui dispone la squadra di casa. La Mazzoleni & Facori infatti è un team costruito in collaborazione  tra Servolana e Cus Trieste i cui elementi sono parte integrante e attiva dei rispettivi roster che militano nei campionati senior di C silver e D.

Niente di più stimolante per la squadra di Reale e Bembich che inizia la partita con il piglio giusto ribattendo colpo su colpo alle incursioni della premiata ditta Gobbato e Zampa, unici terminali offensivi dei “servolani” nei primi dieci minuti. Trento e Mazzone con due triple consecutive cercano di far capire ai padroni di casa che non avranno vita facile ma, complici alcune errate letture difensive, la prima frazione termina con il San Vito sotto di quattro punti (20-16).

Reale per provare a mettere in difficoltà gli avversari  chiama la difesa a zona che, in effetti, sortisce gli effetti sperati soprattutto nel secondo quarto.

Dovier e Marcori suonano la carica e grazie ad un redivivo Ruzzier ed alla vivacità di Toscano il San Vito raggiunge anche la doppia cifra di vantaggio prima di subire il ritorno casalingo che riduce il gap a soli sei punti con le squadre che vanno al riposo lungo sul 33 a 39 per gli ospiti. Croce di entrambi i coach sono i tanti tiri liberi falliti che, per il San Vito, alla fine risulteranno determinanti considerati  i 17 (!!) viaggi in lunetta non sfruttati.

Nel terzo periodo capitan Lunardelli e compagni devono però subire il prepotente ritorno degli avversari che non ci stanno a cedere la leadership della classifica e partono a razzo. Gallo guida la riscossa della squadra di Trani coadiuvato dal solito Gobbato mentre Zampa deve accomodarsi in panchina gravato già di quattro falli. La zona chiamata sovente da Reale non sempre risulta efficace ed i servolani possono contare su  rotazioni che si rendono sempre pericolose. I tanti tiri liberi sprecati ed alcune facili conclusioni da sotto non concretizzate condannano il San Vito a recuperare cinque lunghezze negli ultimi dieci minuti (59-54).

Impresa ardua ma non impraticabile. Il San Vito guidato da uno sgusciate Ruzzier tenta la “mission impossible” ma è sempre Gobbato che imperversa nell’area sanvitese rovinando i progetti di rimonta avversaria. Nel frattempo Zampa e lo stesso Gobbato sono fuori per cinque falli, così come Mazzone, ma il tempo non è sufficiente a provare l’aggancio. Finisce quindi con la giusta ma sudata vittoria della Servolana targata Mazzoleni&Facori ma con il duo Reale-Bembich complessivamente soddisfatto della prova di tutta la squadra. Oltre al citato Ruzzier si segnalano le buone prove di Russo Cirillo e Toscano; mentre Scopaz si è guadagnato qualche minuto in più che deve però essere accompagnato da una maggiore lucidità in area avversaria.

Prossimo ravvicinato impegno previsto per domani, 13 dicembre, con il recupero della partita contro la Starenergy. Appuntamento da non fallire per brindare alla qualificazione alla fase successiva. Palla a due alle ore 19.45 presso il PalaCalvola.

Mazzoleni&Facori Trieste –Asd San Vito Trieste 78-70 (20-16/ 33-39/ 59-54)

Servolana: Gallo 8, Zampa 17, Surace 2, Mamprin 6, Madon 4, Cattaruzza 2, Castellarin 6, Cesana, Gobbato 33, Marsiglia All.re Trani

Asd San Vito: Petronio ne, Paoletti, Dovier 14, Toscano 7, Ruzzier 11, Capanni ne, Mazzone 9, Marcori 7, Lunardelli 14, Scopaz, Ruzzo Cirillo 5, Trento 3  All.re Reale 1° ass.te Bembich

Condividi