UNA STAGIONE CHIAMATA "DESIDERIO"

PalaTrieste

Pubblichiamo con piacere il resoconto/saluto di Fulvia Merlak circa il percorso degli Aquilotti che a breve volgerà al termine

Per questo resoconto stagionale devo partire da due date: una risale al settembre di 5 anni fa quando un paio di bimbetti sono venuti a Banne a fare un’attività  propedeutica al minibasket, i miei giochi con la palla (si perché a 5 anni non si fa minibasket ma si impara a muoversi e a giocare con la palla!!). Erano piccoli, i lacci delle scarpe erano un optional, la divisa viola gli stava larga e indossavano calze improponibili (vabbè quelle ancora adesso dopo 5 anni!!) ma avevano dei visi simpatici e i loro occhi erano vispi e desiderosi di correre e giocare con quella che diventerà la loro più grande amica...no non sono io ma...la palla a spicchi. Via via con i mesi e gli anni a quel gruppo si sono aggiunti altri bambini più grandi e più piccoli, e grazie a tutti loro sono cresciuti e hanno raggiunto tanti obiettivi. Con il numero giusto sono iniziate le prime partite, me le ricordo ancora...loro più piccoli di tutti gli altri ed emozionati come non mai , chi non parlava, chi doveva andare in bagno in continuazione, chi non aveva dormito la notte, e poi i loro genitori ancora più emozionati. Questi bambini li ho visti crescere (probabilmente siamo cresciuti assieme, non finirò mai di imparare dai bambini) , li ho visti ridere, li ho visti piangere, litigare, infortunarsi e recuperare ma non li ho mai visti mollare davanti alle difficoltà, non impegnarsi, ad accettare e a integrare chi di nuovo arrivava.  Stessa cosa io, ho riso, ho quasi pianto con loro, e se c’era un problema se ne parlava, e Anno dopo anno, stagione dopo stagione, torneo dopo torneo (si i tornei servono per crescere, confrontarsi, imparare a rispettare regole e atleti che non conosci) questo gruppo si è trasformato in una squadra pronta a raccogliere tutto ciò che aveva seminato in questi anni.

La seconda data è il 22 aprile giorno della partenza per l’ Adriatica Cup di Pesaro, uno dei tornei più importanti di minibasket italiani, giorno in cui all’ abbazia di Pomposa abbiamo fatto una foto vicino al lago dei desideri e qualcuno ha espresso un “desiderio” legato al torneo...e ...una vittoria quella di Pesaro raggiunta con la voglia, l’abilità e la forza di una vera squadra. Vederli urlare di felicità come i grandi campioni , alzare la coppa con tanto pubblico rimarrà un bellissimo ricordo in me, emozionante ancora adesso. Uniti e vincenti anche al torneo Barbagli di San Sepolcro ad Arezzo, dove chiunque mettesse il piede in campo veniva sommerso di tifo dai propri compagni di squadra e se poi si faceva canestro, i cori esplodevano. Questo non è il risultato di un anno, dell’ultimo, come qualcuno ha detto, ma il risultato di tanti anni di impegno e di grande entusiasmo. E per questo ringrazio tutti voi genitori, il cosiddetto 6 uomo in campo e...fuori. La stagione sportiva è quasi finita, un ciclo è finito, il mio con loro, mancano poche partite del torneo Suoncolora di Fogliano, e poi li saluterò (ho già il magone e spero che nessuna lacrima scenda) , li ringrazierò per tutte le belle esperienze che hanno saputo regalarmi, ricordi indelebili, con la consapevolezza che oltre ad insegnare qualcosa di minibasket ho trasmesso a loro i valori dello sport, in primis rispetto, integrazione ed educazione , che l’impegno ripaga sempre, e l’importanza del divertimento nel fare le cose...eh si se ci si allena col sorriso...si impara di più, c’è meno stress e più voglia di ritornare in palestra con i propri compagni. Ma bando alle ciance ritorno seria 😎 concentriamoci sulle ultime partite e perché no ad arrivare in finale anche a Suoncolora per fare una grande Tripletta per una grande annata tanto desiderata. Forza muloni
Fulvia

 

Sezioni